Rivoluzione Salva Famiglia

… contro il sistema criminale statale

Archivi Categorie: La mamma

La madre malevola

I genitori di oggi sono bambini in corpi adulti.

La conseguenza è un grave livello di irresponsabilità che si manifesta in modo diverso a seconda del sesso.

La madre di oggi è un soggetto incapace di dare e, molto spesso, anche di allevare.

La madre di oggi è una pedina in mano al Sistema, istigata contro l’uomo in tutti i modi possibili.

La madre di oggi è il risultato dell’educazione femminista ricevuta dalla di lei mamma.

La madre di oggi è una megera, molto spesso sofferente di quello che si chiama Complesso di Medea. Ci sono padri eccellenti che, come chi scrive, riesce a diventare un ottimo punto di riferimento per i propri figli. La sofferenza e l’odio della complessata verso il padre dei suoi figli cresce in modo direttamente proporzionale al bisogno che i bambini dimostrano nei confornti del padre.

La donna sopra descritta è la legalizzazione delo stupro dei suoi stessi figli e dell’uomo da parte del sistema criminale.

La realtà è che una madre è libera, assecondata ed anche istigata nella sua opera di distruzione (perchè di distruzione si tratta) dei figli e del loro padre. La distruzione dei figli è una cosa che, la disgtraziata in questione, non è nemmeno in grado di capire. Il danno che la disgraziata causa ai propri figli è una cosa che molto spesso la disgraziata ignora. Pura ignoranza.  L’opera di distruzione del padre, l’adorato (dai figli) e capace padre è, invece, quella cosa essenziale per raggiungere lo scopo finale: appropriazione dei figli.

Abbiamo iniziato descrivendo la donna in questione come la Megera, perchè molte donne sono spinte nelle loro opere di sitruzione dal motore della gelosia e dell’invidia. Questo non è l’unico motore che spinge l’infame nella sua opera di distruzione. Un’altro motore, altrettanto grave, è quello della voglia di vendetta che la “cara ed amorosa mammina” prova nei confronti del suo ex, padre dei suoi figli.

Morale: Megera o malevola che sia, la madre dei tuoi figli ha il potere di distruggere te ed i tuoi figli mentre tu non puoi fare altro che stare a guardare, impotente.

Le donne, le madri… sono esseri egoisti (immaturità e bisogno di affetto) che, nella maggioranza dei casi, mancano completamente di buon senso e non riescono a mettere l’interesse dei figli al primo posto. Una madre con queste caratteristiche non è da considerarsi un “genitore”. Molto spesso, parlando nei vari gruppi dei padri separati, ho espresso il seguente pensiero:

un genitore che non riesce a mettere l’interesse dei figli al primo posto e che manca di buon senso, non può essere affidatario (responsabile) per la vita dei minori. Ad un genitore così andrebbe tolto il potere decisionale sulla vita dei bambini. Non succede mai!

Questo pensiero non ha mai riscontrato obiezione ma, bensì, consenso da parte di tutti, uomini e donne (quelle sane di mente, madri che si meritano di essere chiamate tali).

Alle madri malevole (che in realtà sono anche loro vittime del sistema statale “stupra famiglie”) si aggiungono giudici ed assistenti socliali che con il loro credo nazi-femminista puntano solo ad eliminare e punire l’uomo per questioni di misandria e di ideologie tramandate di madre in figlia da ormai troppi anni, e gli avvocati che giocano la parte degli sciacalli che lucrano anche giocando un ruolo moto deciso in quanto, e lo dico per esperienza vissuta, imboccano e guidano le madri fino al punto dell’immoralità più meschina e schifosa.

Tutte queste figure sopra agiscono nel proprio interesse, con la scusa ipocrita “dell’interesse dei minori”.

Usati come mezzi di rivalsa, come armi, come mezzi per il raggiungimento di scopi personali (mantenimento, vitalizio) sono i bambini, coloro che ci rimettono più di tutti, i veri abusati, i puri, i maggiormente abusati e quelli veramente incapaci di difendersi.

 

Evitiamo di parlare di bi-genitorialità non perchè non riteniamo che un bambino abbia entrambi i genitori, ma perché sarebbe come parlare di dieta mediterranea fra malati di cancro; non gliene può fregà de meno!

Noi siamo qui per debellare il cancro e siamo convinti che la bi-genitorialità sia una conseguenza naturale.

Annunci

Bambini in corpi adulti

Di Chiara Marrella

Vi siete spesso chiesti cosa sia successo a far diventare donne così cattive e come mai siano tutte cosi.

Lessi dei libri con una spiegazione a riguardo:…non sono donne, sono bambine! Mi spiace, ma vi siete sposate delle bambine.

Leggi il resto dell’articolo

Le mamme di oggi

Nella donna tutto è cuore, anche la testa!

Questa è pura verità e, per questo, la donna è da ritenersi l’essere più inaffidabile sulla faccia della terra.

Chiunque conosca un po le donne, sa quanto queste siano in grado di passare velocemente e facilmente dall’amore più estremo all’odio altrettanto estremo. La raginoe di questo sta nella loro non capacità di usare la testa in situazioni emotive dolorose. Questo, di per se, le rende individui inaffidabili.

Leggi il resto dell’articolo

Complesso di Medea e PAS

A cura della Dott.ssa Agata Gallo

MEDEA – La tragedia Greca

La Medea di Euripide è una delle più disperate ed eroiche tragedie greche: è l’esempio classico di ratio e furor, mens e cupido.

Medea è figlia della maga Circe, dalla quale eredita i suoi poteri magici. Innamoratasi di Giasone, lo aiuta ad impossessarsi del vello d’oro arrivando persino ad uccidere il proprio fratello, in modo che il padre, intento a raccogliere i resti del figlio, non possa impedire la fuga degli Argonauti e di Medea stessa, che in seguito sposerà il suo amato.

Leggi il resto dell’articolo